2 MEDAGLIE DI LEGNO AL CAMPIONATO ITALIANO CADETTI: IL SAKURA SI CONFERMA AI VERTICI ITALIANI
L5° posto per Massaccesi Yuru e Spadoni Margherita nelle finali nazionali. Ottimi risultati anche nei Grand Prix Lignano Sabbiadoro e Vittorio Veneto

judo sakura osimo

Foto di gruppo per i partecipanti al campionato Cadetti Quattrini Diletta, Massaccesi Yuri, Spadoni Margherita e Verdecchia Riccardo

Continua a gonfie vele l'attività del Judo club Sakura che, dopo la trasferta in terra Trentina, ha partecipato ai tornei di Lignano Sabbiadoro, Vittorio Veneto e alla finale del campionato Italiano Cadetti di Ostia.
Sabato 26 e domenica 27 gennaio si è svolto il XXIV ALPE ADRIA Gran Prix cadetti e juniores, nella splendida struttura sportiva Bella Italia & Efa Village di Lignano Sabbiadoro (UD). Gara molto difficile visto il gran numero di partecipanti e gara composta da atleti di alto livello, con la partecipazione anche di judoka provenienti dalla Slovenia e dalla Croazia. L’atleta SPADONI MARGHERITA kg. 57 per il Judo Club Sakura Osimo ha conquistato un bella medaglia d’argento raggiunto con 4 vittorie e una sconfitta; un secondo gradito del podio su 43 atlete partecipanti nella sua categoria. Non bene il settore maschile dove vede vincitore di un incontro solo MASSACESI YURI kg. 46 alla sua prima gara importante di alto livello e poi una sconfitta; sconfitta arrivata anche, ma al primo incontro, a GIULIODORI NICOLA kg. 73. Nella giornata di domenica sono saliti sul tatami gli Juniores, con 3 vittorie e 2 sconfitte, in una giornata non brillante, PROIETTI MATTIA kg. 60 raggiunte il 7 posto su 28 atleti, nulla di fatto invece per STAFFOLANI STEFANO sempre kg. 60

judo sakura osimo judo sakura osimo

A sx Margherita Spadoni assieme a Tiziana Lazzari a Lignano, a dx. I piccoli partecipanti a Vittorio Veneto

Si sono svolti il 23 e 24 febbraio 2019 nella splendida struttura del Zoppas Arena a Conegliano Veneto due tornei di alto livello, il Gran Prix Nazionale Juniores/Seniores e il Torneo internazionale che ha visto partecipare squadre provenienti dalla Svizzera, Ukraina, Croazia, Austria oltre alle società più importanti a livello Nazionale. Il Gp svolto sabato, ha visto per la nostra società come miglior risultato, quello raggiunto da QUATTRINI PRISCILLA nei kg. 57 con 3 vittorie e 2 sconfitte ha raggiunto il 7 posto su 43 atlete, non bene invece il settore maschile dove solo STAFFOLANI STEFANO kg. 60 ha vinto un incontro e poi perso, gara deludente per PROIETTI MATTIA kg. 60 che era in vantaggio di wazari e non ha saputo gestire e DI RENZO MANNINO STEFANO kg. 73 che ha perso per una leva ed entrambi non sono stati ripescati. Il sabato pomeriggio invece ci hanno raggiunto 6 atleti della categoria Fanciulli (2011-2010) e ragazzi (2009- 2008), si sono confrontanti anche con atleti della loro età provenienti dall’Ukraina e da altre società Italiane molto prestigiose, hanno raggiunto il primo posto: GIULIODORI MATTIA con 3 vittorie, COLTRINARI PIETRO con 3 vittorie, LIBERATI LUCREZIA con 2 vittorie. Secondo posto  per: D’ANDREIS LUCA, BUDA DANIEL e RACIOPPA GABRIELE
La domenica invece hanno gareggiato i CADETTI e gli ESORDIENTI B: per i cadetti una medaglia e un quinto posto; la medaglia conquistata da VERDECCHIA RICCARDO kg. 55 che su 5 combattimenti ha combattuto con 4 atleti stranieri, perde il primo incontro, viene recuperato e vince 4 bei incontri raggiungendo così il 3 posto su 29 partecipanti. Medaglia di legno invece per MASSACESI YURI kg. 46 che raggiunge il 5 posto su 16 atleti con 3 vittorie e 2 sconfitte, condotta di gara non impeccabile sicuro ancora c’è da lavorare un po sull’autostima. Si ferma invece con 1 vittoria e 1 sconfitta GIULIODORI NICOLA kg. 73 e CARINI LUCA kg. 81 che nonostante la cintura gialla non ha certo sfigurato andando anche in vantaggio su un avversario straniero.
Nel pomeriggio invece 2 dei nostri ESORDIENTI B hanno svolto una bella gara, 7 posto su 28 atleti per BRACONI DANIELE che vince 3 incontri e ne perde 2 ma con qualche miglioramento sicuro potrà dire la sua a breve; 3° posto invece su 37 atleti per LINERI TOMMASO che con 5 vittorie e 1 sconfitta conquista una bella medaglia su una competizione difficile.Non hanno invece raggiunto un risultato di rilievo GAGGIOTTI CHRISTIAN e SGARDI ENRICO

Judo club Sakura Osimo Judo club Sakura Osimo

Verdecchia Riccardo e Lineri Tommaso sul podio di Vittorio Veneto

Sabato 2 Marzo e domenica 3 Marzo si sono svolte nel Palapellicone di Ostia Lido (Roma) le Finali nazionali assolute riservate alle classi Cadetti U18 (nati 2002-2003-2004), che danno la possibilità a coloro che riescono ad arrivare a podio di conquistare la cintura nera. Hanno difeso i colori della nostra società 2 atleti per quanto riguarda il settore maschile e 2 atlete per quanto riguarda il settore femminile. Nella giornata di sabato, riservata al settore maschile, portiamo a casa un’amara ma promettente medaglia di legno, da parte di Yuri Massacesi nella categoria -46 kg.
Ottima conduzione di gara da parte del nostro atleta che non si lascia intimorire dagli avversari più grandi ed esperti di lui (Yuri è passato solamente quest’anno alla classe Cadetti, quindi si trova di fronte anche ad avversari con due anni più di lui).
Disputa ben 6 incontri in una categoria composta da 27 atleti; vince senza troppi problemi i primi due incontri con il punteggio massimo (ippon), approdando ai quarti di finale dove incontra un avversario napoletano che conosciamo molto bene (battuto dallo stesso Yuri nella finalina 3°-5° posto dei passati Campionati Italiani Esordienti B di Dicembre). Purtroppo qui Yuri non riesce a riconfermare la sua superiorità, subendo anche psicologicamente l’ottimo atleta avversario, che ha quindi modo di vendicarsi. Ma Yuri non si abbatte, ricomincia da qui la possibilità di arrivare al terzo posto tramite i ripescaggi. Vince agevolmente il primo recupero per una leva articolare, nel secondo recupero Yuri non riesce a portare nessun attacco decisivo, ma controlla nettamente il suo avversario tanto da fargli prendere 3 shido (sanzioni) e quindi la relativa squalifica. Approdiamo quindi nuovamente alla finalina 3°-5° posto, chi vince questo incontro ha la possibilità di prendere la cintura nera. Yuri ha davanti un ottimo atleta, già medagliato ai Grand Prix, ma questa volta non si lascia intimorire sapendo che è ad un passo dal suo obbiettivo.
L’incontro è molto equilibrato, entrambi non riescono a portare l’attacco decisivo, ma purtroppo quasi allo scadere del tempo in una fase a terra Yuri subisce un soffocamento e quindi deve cedere il passo al suo avversario.
Un 5° posto su 27 atleti amaro, ma che risulta molto promettente vista la giovane età del nostro atleta che sicuramente il prossimo anno dirà nuovamente la sua e avrà modo di riscattarsi. Sabato in gara anche Riccardo Verdecchia nella categoria -55kg, che da un paio di mesi si allena nella nostra società. Riccardo ha una categoria molto numerosa, 63 gli atleti in gara, quindi non si può permettere di sbagliare nulla inizialmente. Vince infatti molto bene i primi due incontri che lo proiettano agli ottavi di finale. Qui incontra un avversario sicuramente alla sua portata, infatti riesce a fare delle belle entrate ma poco incisive per la mancanza di dettagli tecnici. L’incontro va al golden score dove in una fase a terra l’avversario riesce a portare una leva, quindi dobbiamo sperare nei ripescaggi. Purtroppo ciò non avviene perché l’avversario che lo ha battuto perde l’incontro successivo che lo avrebbe portato in semifinale. La gara finisce qui per Riccardo che si ferma comunque al 10° posto su 63 atleti.

Judo Club Sakura Osimo

Domenica 3 invece è la volta delle donne, in gara per noi Diletta Quattrini nella categoria -48kg, che si trova a dover competere con 31 avversarie.
Diletta paga il pegno di avere ancora poca esperienza in campo nazionale, risulta quindi poco competitiva, seppur si è impegnata in queste settimane di preparazione a questo evento. Nel primo incontro infatti, senza timori e paure è molto propositiva, ma i suoi attacchi poco incisivi lasciano spazio all’avversaria di fare punto in contro tecnica. Ultima atleta in gara nel settore femminile Margherita Spadoni, nella categoria -57kg, dove anch’essa si trova di fronte ad un tabellone molto numeroso composto da 62 atlete. Margherita parte tra le favorite, risulta essere infatti la terza testa di serie, per aver maturato un ottimo punteggio nella ranking list nazionale. Anche noi abbiamo grandi speranze e aspettative su di lei, dato che è l’ultimo anno in questa categoria, conosciamo il valore della nostra atleta, e negli anni passati l’obiettivo della cintura nera è sfuggito per poco. Si libera senza troppi problemi delle sue prime tre avversarie, vincendo per massimo punteggio, dimostrando una grande determinazione e gestione dell’incontro. Queste qualità vengono un po’ meno nell’incontro successivo ai quarti di finale, dove Margherita incontra un po’ di difficoltà data la posizione scomoda dell’avversaria. Ma in un attacco sbagliato di quest’ultima si porta in vantaggio gestendo poi l’incontro fino alla fine del tempo, dimostrando comunque la sua voglia di vincere. Approdiamo cosi alla semifinale, dove abbiamo di fronte un’ostica avversaria napoletana, già affrontata più volte e l’esito purtroppo per noi è sempre stato negativo. Sappiamo come Margherita dovrà gestire l’incontro, cosa che inizialmente riesce a fare ma poi si lascia sopraffare dalla presa dell’avversaria che riesce quindi ad avere la supremazia e portare in due occasioni i punti decisivi dell’incontro. Peccato eravamo ad un passo dalla finale, e dalla cintura tanto attesa e sperata. Ma poco male, perché Margherita può ancora giocarsela nell’incontro per il 3°-5° posto. Sappiamo cosa c’è in ballo e non possiamo permetterci di sbagliare questo incontro. Margherita si trova davanti ad un’altra avversaria napoletana sicuramente alla sua portata, ma purtroppo non sale sul tatami con la giusta determinazione che aveva negli incontri precedenti. L’incontro è molto alla pari, al limite degli shido (sanzioni) quindi molto a discrezione arbitrale, ma Margherita sbaglia proprio tattica, non è propositiva e non cerca la supremazia della presa. Questo la porta a perdere l’incontro al golden score (tempo supplementare) per 3 shido, quindi squalifica, contro i 2 della sua avversaria. Ancora un 5° posto quindi, su 62 atlete, che lascia molto più l’amaro in bocca della medaglia di legno di Yuri perché le aspettative erano molto più alte dato l’ultimo anno nella categoria Cadetti. Sfuma così l’obbiettivo della cintura nera Margherita, che vale sicuramente molto più di quello che ha dimostrato ed il podio era sicuramente alla sua portata. Un vero peccato, ma rimane sempre tra le migliori atlete d’Italia nella sua categoria. Torniamo a casa con umori contrastanti, amareggiati per le due occasioni perse, ma comunque contenti che due atleti su quattro sono riusciti a disputare una finale (o finalina) nel Campionato Italiano di categoria; ciò significa che il percorso intrapreso è sicuramente quello giusto dato che la nostra società risulta sempre nelle parti alte delle classifiche italiane.

logo

JUDO

 

FREE BODY DYNAMIC

 

SALA PESI E CARDIO

 

SPINNING

 

 

STELLA DI BRONZO AL MERITO SPORTIVO DEL C.O.N.I

STELLA

 

SOCIETA' AFFILIATA

FIJLKAM

 

FIPE

 

Centro C.A.S. (Centro Avviamento
allo Sport) autorizzazione
rilasciata dal C.O.N.I.
n. MANA 0182I

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A.S.D JUDO CLUB SAKURA OSIMO

www.judosakuraosimo.it

email: judogisakura@tiscali.it

cell: 331/6019499 Beniamino

339/4330704 Tiziana